Una pialla il tempo. 
                  Nel caldo soffocante di una estate già svenduta. 
                   I prati falciati in anticipo; 
                        il verde ingiallito  degli altopiani e dei terreni pedemontani. 
                        Le vacche che trovano riparo dalla calura,
                           coricate in circolo sotto le piante, ai margini del bosco.
                     E ruminano.
                             Come turisti pendolari che fuggono dalla  canicola  
                         e risalgono dalla valle al mattino per ripararsi nel verde.
                       ***
                        Per sentieri irti, accidentati, come in  un bosco inselvatichito,
                         la bestia si muove in città. 
                       Strade rumorose di traffico, cariche di smog. 
                         Gente affrettata, agitata, sudata. 
                      Una spina nel fianco  e l’urgenza di fare. 
                     Determinazione. Forza 
                       E fa. 
                       
Serrando i denti, cancellando pensieri.
                       ***
                        I colori diversi delle stagioni, 
                    i profumi  (odori) che cambiano da luogo a luogo.
                    Siamo già a San Felice e non ce ne siamo accorti.
                    Un altro anno è passato.
                 Fra non molto l’Amministrazione farà un altro giro di boa,
              per l’esposizione del Santo Patrono.
       **
                Un segno ancora, quasi un tatuaggio
               che s'identifica con  un momento, un'impresa, un amore.
               La trama di un racconto incisa sul corpo.
          E  via daccapo.
                Liberare la mente, far volare il sogno.
         *
            La bestia torna sui monti.
            Respirerà  l'aria in una antica faggeta.
                Rimuoverà passi nel bosco per perdersi tra gli alberi,   
             guardare in alto a cercare il cielo tra i rami e le foglie
                che chiudono gli spazi.
                Domani... 
             Oggi è quel domani.
            *** 
                Ricordo il rumore della  pioggia
               che cadeva un pomeriggio d'estate,
               il volto di una donna, il colore dei capelli.
                  L'odore del bagnato che saliva dalla strada. 
                  Finestre aperte sulla piazza.
                 **
                Non raccontare i tuoi guai, tanto non frega a nessuno.
                 Anzi a qualcuno può far piacere. 
                    Il vecchio diceva:
              “Pensa al futuro, ma non più a lungo di  domani , e fino all'ultimo
                 momento sarai giovane e ti sentirai forte”.
               Le emozioni tienile raccolte in te. 
                Come un fiore coloreranno i giorni.
             **
                   Questo paese, il mio paese 
                      l'ho vissuto e sempre amato. 
                  Una forza attrattiva che sa solo di passato. 
                      Gioioso d’estate.
                Misterioso e intrigante quando l’autunno carica i colori 
                       e la sera scende in anticipo. 
                    E un velo di tenerezza si stende sui  tetti delle case.
                          Ogni pietra ne conosco.
                         Ho ricordo della gente e  degli usi. 
                       So di come il sole dà vita alle ombre.
                       E dei “rinsacchi” che riparano dai venti.
                      Come l’acqua della fontana in piazza
                        il suo suono mi scorre dentro.
                         Un paese intrigante, un po’ curioso, pettegolo,
                             sorridente e melanconico.
                         Forte come la pietra che l’ha edificato.
                         Tenero come un bimbo in braccio alla sua mamma.
                            *

                          (L7)