L'autunno
 ti scioglie
l'anima.
 

Ci ha regalato giorni di sole e di colore.
Ieri tornavo da una passeggiata nel bosco,
ad un'ora che seduce.
Come la racconti?
Una giornata dorata.
Profumo sensuale di natura.
Forte.

Dove la faggeta si addensa e il sole filtra poco,
il terreno rimane umido.
E sale l'odore di selva, intensa fragranza di bosco.
La respiri, quasi.
E t'accompagna  lungo il tuo cammino,
fuori dai sentieri indicati.

Muschio e licheni, a macchie, su  tronchi e radici che affiorano.
Intrecci dimaglia
a coprire nudità.
La natura è vita e stimola i sensi.
Gli alberi insegnano.
Quando il percorso sale, ti senti respirare.
Basta un leggero soffio di vento
ed ecco venir giù un pioggia di piccole foglie dorate.
Fruscio di natura, voce intorno;
comari le foglioline che bisbigliano dicerie.
Una giovane coppia sul tuo sentiero a caccia di immagini.
Ti ferma, ti chiede.
Grazie, ciao.
L'ora comincia a calare ma loro non hanno fretta.
Penetrano e si
perdono
nella
faggeta con gli ultimi raggi alle spalle...
Tu non lo conosci, ma questo è un luogo incantato
capace di affascinare.

Vieni a coglierne il respiro,l'anima.
Potresti incrociare (chissà!) uno gnomo, una fatina o
  il vecchio custode del tesoro del bosco
e sentire le storie che racconta.
Ma anche un orso bruno marsicano,
in giro per gli altopiani, in cerca di frutti selvatici o di qualche pecora
con cui trascorrere la serata.

 Nel bosco l'odore dell'autunno.


( Testo e foto di L7)