LA GRANDE PILA DI LEGNA DA ARDERE E' PRONTA

  17 gennaio 2015

    La Festa di Sant’Antonio Abate a Pescocostanzo
    Arde il fuoco
 

               



Il racconto delle feste contadine del passato,
  come un  viaggio a ritroso attraverso il tempo che è stato.
    Tra le spirali  del fumo del gran falò alla base del “Castello” 
 che uomini diversi, di mano in mano, nei decenni passati hanno preparato, acceso e dato vita alla festa, continuando a trasmetere la tradizione, fino ad oggi, sino a noi.
                  La suggestione del luogo quando annotta.
Il ricordo della gente che ha vissuto un altro tempo ed altre condizioni: 
le slitte trainate da buoi, con la neve, a raccoglier legna per le case…
il Comitato presente al controllo delle attività…
la naturalezza, l’impegno, il desiderio di fare, di continuare a fare per la comunità.
 L’anima può ancora vibrare attorno al fuoco di
     Sant’Antonio e il racconto continuare.
Questa festa rappresenta una porta che s'apre verso il passato,
tempo intermedio tra l'inverno e la primavera e ripropone
i segni e le attività della comunità che abita i luoghi.
Percezione di antica religiosità mista di sacralità pagana.
                 Non mancate, e vedremo volare " i palloni " (le mongolfiere),                
  cercheremo di capire come sarà l'anno che è venuto....
=======
Foto L7)
                                     
  L’ ANNO che è venuto…
Ve lo racconterò con calma un po’ per volta, come verrà, se Dio vorrà.
Intanto godetevi ancora questi giorni di sole, la neve, questo paese fantastico….
nonostante i problemi causati dalla bufera improvvisa
(ce ne sono state di bufere, altro che questa!) e da tutti gli sprovveduti che girano ancora
in maniera inadeguata con le loro macchine sulle strade di montagna d’inverno.
E le lasciano poi ovunque, senza criterio, creando disagi alla circolazione
ed ai mezzi sgombraneve.
In ogni modo il 2015 è avviato.
Buon viaggio a tutti.
====
(Foto L7)




CookiesAccept

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo